Pubblicato in: scemo chi legge

Gli eroi dei social network

k03gozt

Questa è una dichiarazione di amore, stima e mischinanza. Questi sono i miei personalissimi eroi dei tempi moderni, i paladini dei social network a cui voglio dedicare questo post: io vi amo, vi stimo e vi compatisco, ma mai tutte e tre le cose insieme. Ora vi spiego e parlo al maschile per convenzione, non perché i protagonisti di questo post sono maschi.

Io amo l’eroe di Facebook, colui che passa ore ed ore a commentare, discutere e litigare sui post socio-politici, al fine palese di far capire ad altri utenti che la terra è una sfera che gira intorno al sole. Viviamo tempi molto patetici, in cui mass media e politici parlano alla pancia della gente (con conseguenti deiezioni) e facebook è la cloaca verso cui il cretino di turno deposita tutto ciò che gli passa per la testa. Il mio amato eroe è sempre lì, sempre presente, ovunque, a cercare di spiegare, di non cedere agli insulti, di far capire, ragionare e poco importa se indicando la luna gli altri gli fissano il dito: lui non si abbatte, non si scoraggia, non molla la presa.

Io stimo l’eroe di Instagram che pubblica centinaia tra foto e video, storie temporanee e foto permanenti, tutte uguali, sempre le stesse: faccina avvilita, piatto di cibo, animale domestico ignaro, panorama. Il mio amato eroe non soffre la pioggia dell’autunno né il freddo dell’inverno, perché nelle altre due stagioni è stato previdente, ha fatto scorta e durante i sei mesi più freddi dell’anno ha una galleria fotografica di se stesso desnudo in spiaggia che può snocciolare insieme al menù del giorno, al gatto o al cane e alla vista mozzafiato della sua città (sempre lei, sempre più consumata dai click degli eroi).

Io compatisco il misky-eroe di Snapchat, che si strugge e si sbatte per postare foto e video con quei quattro effetti baracconi che l’applicazione offre. Questo eroe è ancora più eroe perché non gli basta essere il mio paladino di Instagram, no, lui passa tanto tempo e dedica tante energie anche a Snapchat, in barba al mondo che vive e al tempo che passa. Perché essere semplicemente anonimo quando puoi pensare di diventare  la Chiara Ferragni di stocazzo?

I miei tre eroi non hanno preoccupazioni, non hanno tanti impegni e io li amo, li stimo e li compatisco. Un po’ li invidio perché vorrei avere la loro voglia, il loro tempo, il loro amor-proprio. Invece mi limito a scrivere fesserie quassù e a pubblicare pezzi del mio corpo sapientemente tagliati per non far vomitare i miei followers.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...