amóre [a’more]

Ho cercato (qui) il significato della parola amore e ho trovato tre spiegazioni che qui riporto:

  1. sentimento di affetto vivo, trasporto dell’animo verso una persona o una cosa
  2. sentimento ed istinto naturale che lega due persone
  3. desiderio di ottenere una cosa; attaccamento a una cosa.

Ho capito che avevo ragione allora. Già da tempo l’avevo capito. A me non la si fa a lungo termine (a breve termine sì, ahimè). Ho capito che quando fa male non è amore, perché l’amore è sentimento di affetto vivo, di trasporto dell’animo, le cose brutte non ci sono. Quando è sentimento ed istinto naturale non ci sono forzature, il rapporto è alla pari e tutto è spontaneo. Poi può diventare desiderio di ottenere, attaccamento. E allora sì che è un guaio, perché ci si intestardisce su qualcosa di malato.

PREMESSA: Per la prima volta ne parlo, perché è passato talmente tanto tempo che parlarne non mi cambia la giornata, la cosa è importante ed è essenziale quanto sapere con chi è sposata Brooke questo mese (e non seguo più Beautiful dal 1998).

Ho vissuto una storia che pensavo fosse amore e invece era un tumore. Dall’inizio alla fine non c’è nulla da salvare. Ho sprecato del tempo? A me piace pensare che l’ho guadagnato in futuro, che ho imparato dall’errore. Con una certa distanza ho finalmente visto questo film coi giusti colori: ciò che era rosso in realtà era marrone; quel che era rosa ora è verde; quello che era giallo è diventato nero. Attribuitegli il significato che volete (ma in realtà parlo di passione che era merda, di affetto che era invidia e di morbosità che era malattia). Sono stato lasciato ma poi s’è saputo che avevo lasciato io. Il che è vero, se non fosse che dopo essere stato lasciato ho cercato di salvare il salvabile e che solo alla fine di due patetici tentativi di stare insieme ho messo io la dignitosissima parola “fine“. Sono stato anche tradito. Ma ho lasciato che si dicesse e pensasse il contrario, tanto avevo altri dolori da affrontare e del pensiero degli estranei non mi è mai importato nulla. Sì, stavo con una persona non molto limpida, che infatti s’è rivelata torbida come l’acqua del Gange. Ma questo è il mio punto di vista e quindi lasciatemelo credere in pace.

Parlo di questa cosa perché oggi pensavo all’amore. Pensavo alle persone che amo. E ho sentito l’esigenza di scrivere pubblicamente che quell’errore, quella storia che pensavo fosse amore, non ha mai avuto (e mai avrà) a che fare con il sentimento che mi lega (e mi legherà sempre) alle persone che amo. Se me ne fregasse almeno un po’, andrei a prenderlo per la camicetta e il maglioncino e gli direi: tu non sei stato e non sei niente, tornatene pure sui tacchi ora. Ma no, non me ne frega niente. Non cambierebbe niente.

Devo solo ricordarmi che l’amore è un sentimento bello. Solo che se sei daltonico combini un sacco di cazzate.

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...