Fortuna è sera ormai

[seconda parte] 

Ho già detto come la penso sui perbenismi e i paraculi in generale? Mi pare di si. Anche se nel giro di un paio di giorni ho dovuto rimandare la pubblicazione di questa seconda parte (preso com’ero dall’evolversi della faccenda Lucido Sottile) questo post è rimasto nella mia mente e anche un po’ nel cuore.

Gli altri…un pubblico ingessato, un pubblico che ci avrei gettato volentieri una bomba in platea, ma non per tutti, solo per la gran parte di persone che si sono sedute lì per provare una finta pietà e versare finte lacrime verso chi faceva lo spettacolo ed era, alla fine dei conti, più sano di loro.

Dovevi vederli: dopobarba dozzinali e profumi da battona, tante belle parole ma sguardi schifati verso i ragazzi della scuola di teatro “Il Mestiere dell’Attore” che interpretavano il ruolo di pazienti psichiatrici prima, durante e dopo lo spettacolo, mettendo in scena ciò che non potevamo far fare a chi è davvero ospite dei centri. E così i signori e le signore che sono arrivati a teatro per mostrare al mondo il loro grande cuore, si sono ritrovati subito immersi in quella realtà che avrebbero preferito vedere solo sul palco e poi basta, invece no. Sono stati scortati fino alle auto dopo lo spettacolo. E una signora ha detto “ma questi li lasciano liberi così?!”. Come fossero bestie.

Non potevamo raccontare tutto, ma ci abbiamo tentato. Più che potevamo abbiamo cercato di non strumentalizzare la patologia dell’attore, abbiamo cercato di proteggerlo da chi doveva a sua volta proteggerlo, ma che s’è perso per strada, forse accecato dalle luci di scena. Perché non può bastare un segno della malattia a fare di un ragazzo un malato da esibire, non possono due occhi a mandorla far sì che un down sia down e basta, non puoi dire che fai teatro integrato e poi non integrare niente.

Ci abbiamo tentato, ci siamo riusciti. Ora si volta pagina.

5 pensieri su “Fortuna è sera ormai”

  1. No, aspetta però… Per quanto riguarda le reazioni delle persone, ce ne son state varie.
    Certo, moltissimi erano spaventati davanti a chi “faceva paura” , ma si è vista anche tenerezza, commozione, certo, anche un poco di pietà ha fatto capolino in certi occhietti luidi, ma ci son state reazioni anche positive, buone. Mi piace sempre considerare ogni sfaccettatura, per avere il quadro completo.

  2. Caro Andrea, ancora ti stupisci della paura del “diverso” ??? Io tante volte ho dovuto rincuorare le persone che mi incontravano per strada con mio fratello, affetto da tetraparesi spastica, sul fatto che fosse assolutamente innocuo….siamo ancora lontani dal definirci società civile che integra, ma voi siete stati splendidi, non scoraggiarti e vai avanti su questa strada.
    Un abbraccio

  3. Le reazioni della gente possono piacere o non piacere ma vanno cmq rispettate, perchè sono frutto di una esperienza personale che non conosciamo e non potremo mai capire sino in fondo.
    Io piuttosto apprezzerei il fatto che anche certe persone si siano avvicinate a questo mondo, potrebbe essere un modo per iniziare a cambiare atteggiamento nei confronti dei diversamente abili!

  4. @antonella: grazie di cuore

    @roberto: parliamo di rispetto…il mio va a chi ha delle reazioni sincere. Non nego di aver avuto una reazione molto comune due anni fa, quando ho messo piede in un centro, ma non mi sono MAI riempito la bocca di perbenismi e ipocrisie. Per il resto sono totalmente d’accordo con te. E ti abbraccio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...